sabato 17 ottobre 2009

Mourinho rilancia Suazo

"Mourinho rilancia Suazo, Eto'ò resta a casa"

"Contro il Genoa sarà una partita di dialogo e non di monologo, saranno due squadre che si giocheranno la partita apertamente". È il pensiero di Josè Mourinho alla vigilia della ripresa del campionato, che vedrà l'Inter affrontare i rossoblu di Gasperini a Marassi. Ancora tanti dubbi di formazione per il tecnico portoghese, che dopo aver parlato in conferenza stampa ha deciso di escludere Samuel Eto'o dalla lista dei convocati. Possibile dunque l'impiego di David Suazo: "È veloce, è un giocatore che negli spazi diventa pericoloso, quindi contro il Genoa potrebbe essere la sua partita. Thiago Motta invece non ci sarà". Da questo pomeriggio l'Inter si allenerà sui nuovi campi d'allenamento: "Sono pronti, siamo a livello delle migliori squadre europee. Il prossimo allenatore che arriverà sarà contento ma per parlare del prossimo allenatore dell'inter è prestissimo. Al momento mi piace tanto stare qui e voglio rimanere qui".


Queste sono le dichiarazioni di Josè Mourinho, allenatore dell'Inter in vista della delicata sfida di sabato sera a "Marassi" contro il Genoa.
Il reparto dell'Inter è, in questo periodo in un leggera crisi vista la precaria forma fisica di Eto'ò e l'indisponibilità, a causa di infortunio di Milito. Quindi la coppia offensiva sarà sicuramente formata da Balotelli e Suazo.
Quest'ultimo da un paio di stagioni non ha brillato e questa, è certamente la sfida sarà un'occasione da non perdere per la punta honduregna. Mourinho alla vigilia del match ha confermato la sua stima verso l'attaccante, quindi ora l'assist va a Suazo che dovrà ripagare quest'ultimo,  effettuando una partita ad alti livelli ( e degna del suo ingaggio 3,5 milioni di euro l'anno).

venerdì 16 ottobre 2009

Dubai

                              DUBAI CITY


                              


Dubai arabo: دبيّ, Dubaī indica al contempo uno dei sette emirati che compongono gli Emirati Arabi Uniti, e la città più importante del medesimo emirato (che, nelle lingue anglo-sassoni, viene anche indicata come Dubay City e che in arabo è invece Madīnat Dubaī ).
Si trova sul Golfo Persico, a sud ovest di Sharjah e a nord est di Abu Dhabi (lat. 25°.15' N long. 55°.16' E). Si distingue dagli altri emirati in quanto soltanto il 10% del suo prodotto interno lordo è derivato da entrate collegate all'industria petrolifera. Le maggiori fonti di ricchezza di Dubai sono, infatti, la zona economica speciale di Jebel Ali ed il turismo, che è in costante crescita.